La capacità delle imprese di innovare e restare competitive è fortemente radicata nel set di conoscenze e di abilità delle loro risorse umane. Non stupisce dunque che le imprese di maggiore successo siano quelle che, meglio di altre, riescono a valorizzare ed utilizzare il capitale umano dei loro dipendenti facendo leva sui comportamenti di condivisione di conoscenza (knowledge sharing), ovvero sui processi di scambio di informazioni, feedback, opinioni e conoscenze professionali che prendono forma all’interno di confini organizzativi.

Tuttavia, se “la conoscenza è potere”, è anche vero che scambiare il proprio sapere con altri potrebbe implicare una perdita o una riduzione di tale potere. Gli specialisti, infatti, hanno maggiore probabilità di fare carriera e di ricevere stipendi più elevati; “chi sa” è generalmente considerato un punto di riferimento importante in azienda e può beneficiare di una più elevata reputazione tra i colleghi, di un rafforzamento del proprio status e, in ultima analisi, di maggiori e migliori opportunità professionali.

Questo fa sì che condividere la conoscenza con gli altri all’interno dell’azienda possa incontrare numerose resistenze da parte dei lavoratori. Come rimuovere questi ostacoli? Molte imprese ritengono che ricompensare le proprie risorse umane con stipendi più elevati, bonus o promozioni a fronte di un loro impegno nelle attività di knowledge sharing sia una strategia particolarmente efficace per motivarle a partecipare attivamente allo scambio di idee e contribuire così alla competitività aziendale.

A partire da questa premessa, i ricercatori di TREZERODUE, in occasione del XVIII Workshop dei Docenti e dei Ricercatori di Organizzazione Aziendale tenutosi a Pisa il 16-17 Febbraio 2017, hanno presentato un’indagine condotta su 23 imprese manifatturiere della Regione Toscana, dimostrando che l’utilizzo di sistemi di reward di tipo estrinseco inibisce, anziché favorire, la condivisione di conoscenza, motivando le persone ad preferire comportamenti di tipo individualistico a quelli orientati alla costruzione di una comunità a supporto del raggiungimento degli obiettivi aziendali.

Link al sito web del Workshop: http://woa2017.assioa.it/

Lascia un commento